9. DISPLASIA DEL GOMITO NEL BOVARO DEL BERNESE

DISPLASIA DEL GOMITO NEL BOVARO DEL BERNESE

SE HAI UN BOVARO DEL BERNESE SAPRAI CHE:

  • Sono cani con una solida costituzione fisica.
  • A causa di una predisposizione genetica, hanno un grande punto debole: le articolazioni.
  • Proteggere le loro articolazioni dai problemi ortopedici significa garantirne pieno benessere e buona qualità di vita.
  • Le displasie di anca e gomito sono i problemi congeniti ereditari più diffusi in questi tipi di cani.

COSA FARE:

  • Prevenzione: E' bene fare la radiografia ufficiale al tuo Bovaro del Bernese a 12 mesi d’età (il veterinario certificato, invia alla Fondazione Salute Animale le lastre. La Fondazione effettua la valutazione ufficiale www.fondazionesaluteanimale.it)
  • Alimentazione: Offri una Dieta bilanciata e specifica. Se casalinga evita eccessi o carenze, soprattutto durante l’accrescimento (vuoi sapere quanto dura la fase di accrescimento? Età del cane in anni umani) è necessario che sia creata ad hoc da un veterinario nutrizionista. Se industriale chiedi consiglio al tuo veterinario sul tipo di alimento più indicato per il tuo cane (produttore, umido, secco) e dosaggi.
  • Adegua la quantità di cibo durante l’anno, in base a: stagione, grado di attività, peso e stato di condizione corporea (vedi tabella Magro, ideale, sovrappeso)
  • Impara a valutare tu stesso il suo stato di nutrizione. Osserva il tuo cane, è importante che anche tu sappia dove si localizzano i grassi di deposito. Imparando a valutare il suo stato di nutrizione, lo avrai sempre sotto controllo. Ti accorgerai precocemente se i depositi di grasso dovessero aumentare. Così potrai agire immediatamente con piccole azioni correttive efficaci (*BCS o stato di condizione corporea è un semplice strumento per valutare la quantità di grasso di deposito, andando ad osservare e palpare precise zone del corpo, in base alle rilevazioni fatte viene attribuito un punteggio che identifica se l’animale è sottopeso, normopeso o sovrappeso - Magro, ideale, sovrappeso)
  • Rivaluta ogni 3 mesi il peso e lo stato di nutrizione (BCS, puoi registrarli sul libretto o sulla scheda peso/BCS Scheda peso e BCS)
  • Aiutalo a mantenere un buon tono muscolare con movimento sistematico.

La displasia dell’anca e la displasia del gomito sono due delle malattie ortopediche che più frequentemente affliggono il cani come il Bovaro del Bernese durante il delicato periodo dello sviluppo e che condizionano poi tutta la vita.

I mesi della crescita, sono cruciali per il sistema scheletrico di un cucciolo, specie se appartenente a razze di taglia grande/gigante.

Diversi fattori (genetici, ambientali, traumatici e nutrizionali) possono influenzare la corretta formazione di anca e gomito, alterandola ed avviando così gravi danni degenerativi, comunemente noti con il termine di “artrosi”. L'artrosi causa di notevole disagio per il proprietario e grande sofferenza per i soggetti colpiti, limitandone pesantemente l’attività e compromettendone gravemente la qualità di vita.

Cos’è la displasia del gomito? (Displasia del gomito - Wikipedia)

Come la displasia dell'anca (Displasia dell'anca cane - Wikipedia) la displasia del gomito é una malformazione scheletrica del periodo dello sviluppo, tale per cui le tre ossa del gomito (radio, ulna e omero) crescono in modo disarmonico tra loro, ed asincrono in lunghezza. Il risultato è la comparsa di diverse condizioni patologiche, tutte accompagnate da dolore, zoppia e sviluppo di artrosi (quali sono le razze più a rischio?)

COME RICONOSCERE I SINTOMI:

  • I primi segnali d’allarme possono comparire precocemente, a 4-5 mesi di età.
  • Zoppia, anche poco appariscente e saltuaria, accompagnata talvolta da rotazione esterna delle zampe. Attenzione: sovente i cuccioli affetti da displasia del gomito possono anche non zoppicare affatto.
  • Non ha voglia di muoversi, atteggiamento che viene sottovalutato o spesso frainteso come pigrizia.
  • Andatura rigida, innaturale, a piccoli passi: tutti segni che, purtroppo, nascondono spesso una displasia bilaterale, a carico cioè di entrambi i gomiti.

COME PREVENIRE:

  • Nella scelta del cucciolo, affidati ad allevatori seri, è fondamentale che gli allevatori selezionino attentamente i soggetti destinati alla riproduzione, controllandone il profilo genetico e valutandone attentamente il maggior numero possibile di parenti e discendenti. I cuccioli appartenenti a razze a rischio (Tab.2 - razze più a rischio) possono considerarsi esenti (cioè liberi) dalle diplasie solo quando le loro articolazioni sono normali e la displasia non si è manifestata né in entrambi i genitori né in tutta la loro parentela.
  • Fai una diagnosi precoce. È opportuno sottoporre il cucciolo, specie se appartenente ad una razza predisposta, ad una precoce visita ortopedica specialistica, a partire dalle 14-16 settimane per tutte le razze, e dalle 16-18 settimane per quelle giganti.
  • Non far riprodurre il tuo cane se ha la displasia

COSA NON FARE:

  • Somministrare snack e cibi non specifici per il cane (merendine, biscotti, salumi, latticini, etc). Questi cibi aumentano, non solo i depositi di grasso, quindi il carico su tutte le articolazione, ma soprattutto aumentano e rinforzano l'infiammazione! Che mantiene e peggiora il circolo vizioso dell'artrosi e, talvolta, diminuisce l'efficacia dei farmaci.
  • Eccesso di attività fisica e salti molto alti nei primi 6 mesi di vita (le articolazioni, soprattutto non sono ancora pronte per ricevere grandi carichi e subiscono traumi che aumentano il rischio di artrosi).
  • Eccesso di Calcio. Il fattore nutrizionale maggiormente sotto accusa è il calcio. Diete eccessivamente arricchite con questo minerale possono infatti interferire con la corretta trasformazione e maturazione delle cartilagini in accrescimento e, di conseguenza, ripercuotersi sulla crescita in lunghezza delle ossa del gomito.